MENU
Scoliosis Research Society
SRS: Scoliosis Research Society

Scoliosis Research Society

Dedicato alla cura ottimale dei pazienti con deformità vertebrale

Trattamento Chirurgico per la Scoliosi

Domande Comuni Riguardo la Chirurgia per la Scoliosi
La maggior parte dei chirurghi che operano scoliosi concordano che bambini con curve molto severe (50 gradi o più) necessiteranno dell’intervento chirurgico per diminuire la curva ed impedire che peggiori ulteriormente.

L’intervento per la scoliosi è una fusione spinale. Questo è essenzialmente un processo di “saldatura”. L’idea di base è riallineare e fondere insieme le vertebre curvate così che possano guarire in un singolo, solido osso.

Con gli strumenti e la tecnologia oggi disponibile, il chirurgo che opera la scoliosi è in grado di migliorare la curva scoliotica in maniera significativa.

Ho bisogno dell’intervento chirurgico?
Se la curva del paziente è più ampia di 50 gradi, è probabile che peggiorerà, anche dopo che l’accrescimento è completo. Questo può aumentare la deformità estetica alla schiena, così come può affliggere la funzionalità dei polmoni. La chirurgia è raccomandata.

Curve tra i 40 ed i 50 gradi in un bambino in accrescimento ricadono in una zona grigia – diversi fattori possono determinare se la chirurgia è raccomandata. Ciò dovrebbe essere discusso con il chirurgo.

Quanto successo ha la chirurgia per la scoliosi?
La fusione spinale ha molto successo nel bloccare la curva dall’aumentare. Al giorno d’oggi, i medici sono anche in grado di raddrizzare la curva in maniera significativa, il che migliora l’aspetto del paziente.

Quanto sarà dritta la colonna vertebrale dopo l’intervento chirurgico?
Poiché le ossa della colonna vertebrale proteggono il midollo spinale, il chirurgo muoverà le ossa solo finché ritenuto sicuro.

Il grado di correzione chirurgica dipende da quanto flessibile è la scoliosi prima dell’intervento. In generale, più una curva è flessibile, migliore sarà la correzione chirurgica. Il medico può misurare la flessibilità del paziente prima dell’intervento chirurgico con delle radiografie speciali chiamate proiezioni in trazione o di curvatura.

La maggior parte dei pazienti recupera dalla chirurgia con curve inferiori ai 25 gradi. In molti casi, queste piccole curve si notano difficilmente.

Ho dolore alla schiena associato alla mia scoliosi. L’intervento chirurgico lo farà passare?
Immediatamente dopo l’intervento chirurgico, ci sarà più dolore di prima, ma questo di solito si risolve in un periodo compreso tra poche settimane a pochi mesi. La maggior parte dei pazienti afferma che il loro dolore alla schiena è migliore ad un anno dopo la chirurgia rispetto a prima dell’intervento.

Pre and Post-Op
La radiografia a sinistra mostra due ampie curve che
richiedono un intervento chirurgico.
La radiografia dello stesso paziente a destra dopo
l’intervento per correggere le curve.
Cortesia del Texas Scottisch Rite Hospital per i bambini.

Tutti – che ci sia scoliosi o meno – hanno dolore saltuario alla schiena di tanto in tanto. Aspettarsi di non avere mai in futuro dolore alla schiena sarebbe irreale.

Cosa implica un intervento chirurgico di fusione spinale?
Nella fusione spinale, le vertebre curvate sono fuse insieme così che guariscono in un unico, solido osso. Questo bloccherà l’accrescimento completamente nel segmento anormale della colonna vertebrale ed impedirà alla curva di peggiorare.

Tutti gli interventi di fusione spinale usano un tipo di materiale osseo, chiamato trapianto osseo, per favorire la fusione. Generalmente, piccoli pezzi di osso sono posizionati negli spazi tra le vertebre che devono essere fuse. L’osso cresce all’unisono – simile a quando un osso fratturato guarisce.

Barre metalliche sono tipicamente usate per mantenere la colonna vertebrale in posizione finche avviene la fusione. Le barre sono attaccate alla colonna tramite viti, uncini e/o fili metallici.

Quanta colonna deve essere fusa esattamente dipende dalla curva(e).

Bone is scooped out of the iliac crest to be used as a bone graft.
L’osso è prelevato dalla cresta iliaca per essere usato come trapianto osseo.

Cos’è un trapianto osseo?
Un trapianto osseo si usa primariamente per stimolare la guarigione ossea. Aumenta la produzione ossea ed aiuta le vertebre a saldarsi insieme con un unico osso.

In passato, un trapianto osseo prelevato dall’anca del paziente era l’unica opzione per fondere le vertebre. Questo tipo di trapianto è chiamato autotrapianto. Prelevare un trapianto osseo richiede un’ulteriore incisione durante l’intervento. Ciò aumenta la durata dell’intervento chirurgico e può causare un aumento del dolore post-operatorio.

Un’alternativa al prelievo del trapianto osseo è l’allotrapianto, che è osso da un cadavere. Un allotrapianto è tipicamente acquisito attraverso una banca ossea.

Al giorno d’oggi, diversi materiali artificiali per trapianto osseo si sono pure sviluppati.

Quanto dura l’intervento chirurgico?
La maggior parte delle fusioni durano da 4 a 12 ore, dipende dalle dimensioni della curva del paziente a da quanta colonna necessita di essere fusa.

Quanto dolore avrò dopo l’intervento chirurgico?
La quantità di dolore che le persone riferiscono dopo l’intervento chirurgico varia molto da paziente a paziente. La chirurgia una procedura maggiore che implica la mobilizzazione dei muscoli e il riallineamento dello scheletro.

I primi giorni sono di solito molto spiacevoli, ma la maggior parte delle persone migliora rapidamente dal terzo o quarto giorno, e possono camminare, e salire e scendere dal letto bene abbastanza da poter essere dimessi. Il dolore continua a migliorare gradualmente e la maggior parte degli adolescenti possono tornare a scuola 2 o 3 settimane dopo l’intervento chirurgico.

Che tipo di controllo del dolore ci sarà dopo l’intervento?
Il controllo del dolore varia tra diversi medici ed ospedali. In molti casi, si usa una PCA (una macchina patient controlled anestesia), che inietta una piccola dose di antidolorifico endovena quando si preme un bottone. Alcuni chirurghi usano un catetere intravenoso (un piccolo tubo di plastica posizionato dentro una vena) per somministrare in farmaco. Il sistema di sollievo dal dolore che il medico è solito usare è probabilmente il più sicuro e il più affidabile per il paziente dopo l’intervento chirurgico.

Dal secondo o terzo giorno dopo l’intervento, il medico probabilmente cambierà la terapia con pillole o liquidi antidolorifici da assumere per bocca. Questi farmaci sono oppiacei (morfino-simili). Poiché si sa che questi farmaci creano dipendenza se assunti per un lungo periodo, il paziente sarà incoraggiato a cambiare in favore del paracetamolo il prima possibile prima della dimissione.

Gli uncini e le barre rimangono nella colonne vertebrale anche dopo che è avvenuta la fusione spinale?
Se sono state utilizzate delle barre nella fusione, di solito esse non necessitano di rimozione. Tuttavia, alcune persone possono richiedere la rimozione delle barre per vari motivi.

La fusione renderà la schiena rigida ed incapace di muoversi?
Dopo una fusione spinale la maggior parte delle persone conservano abbastanza mobilità alla loro schiena che permette loro di praticare attività della vita di tutti i giorni e la maggior parte degli sport. Se il paziente partecipa ad attività che richiedono un ampio grado di flessibilità, può metterci un po’ ad adattarsi. La maggior parte delle persone trovano che nel giro di un anno circa la loro schiena inizia a sentirsi “normale” quando partecipa a quel tipo di attività

Si può correggere la scoliosi senza una fusione?
Ci piacerebbe avere un metodo e dei materiali che raddrizzassero la colonna vertebrale ed anche permettessero un movimento normale tra tutte le ossa. Sfortunatamente, non abbiamo questa possibilità. Qualsiasi cosa si metta per mantenere la colonna dritta, rende anche la colonna stessa rigida nella sede di intervento chirurgico.

La chirurgia per la scoliosi può essere effettuata senza attuare una fusione. Sfortunatamente, le barre che raddrizzano la colonna vertebrale col tempo si romperanno se le ossa e le barre non crescono insieme. Quindi se si attua una chirurgia senza fusione, è probabile che sarà necessario intervenire chirurgicamente più e più volte.

Domande Comuni Riguardo Il Recupero dalla Chirurgia
La maggior parte dei pazienti rimangono in ospedale da 4 a 10 giorni, non vanno a scuola da 2 a 6 settimane, e ritornano alle loro attività in un tempo tra i 2 ed i 6 mesi.

Per quanto tempo i pazienti necessitano di terapia del dolore dopo essere stati mandati a casa?
La maggior parte dei chirurghi prescrivono delle forti terapie del dolore ai pazienti dopo l’intervento per la scoliosi. I pazienti che non usano oppioidi di solito smettono di assumerli dopo 2-4 settimane dopo l’intervento. Se il paziente ha usato questi farmaci frequentemente prima dell’intervento, ci può volere più tempo per smettere di assumerli.

E’ la cosa migliore smettere di prendere questi potenti medicinali il prima possibile poiché possono creare dipendenza se presi per lunghi periodi di tempo.

La chirurgia porterà a restrizioni nelle attività in maniera permanente?
No, la maggior parte dei pazienti sono in grado di ritornare a tutte le loro attività e sport.

La maggior parte dei pazienti ritornano a sport non di contatto (corsa, sollevamento pesi, esercizi) approssimativamente in 4-6 mesi dopo l’intervento.

Prima di tornare a tutte le attività, inclusi sport di contatto, la colonna deve essere del tutto guarita. Tipicamente ci vogliono 6-12 mesi dopo l’intervento chirurgico per ottenere una fusione solida della colonna vertebrale e tornare alle loro attività.

Sarò in grado di camminare dopo la chirurgia?
Si. Alcuni pazienti possono necessitare di terapia fisica dopo l’intervento, ma essi sono in grado di camminare quando dimessi dall’ospedale.

Quando si può tornare a scuola dopo l’intervento?
La maggior parte dei bambini non vanno a scuola per 2-4 settimane dopo l’intervento chirurgico. Ci vogliono tipicamente circa 4 settimane prima che la colonna vertebrale sia guarita abbastanza per permettere di portare lo zaino.

Quando si può cominciare ad uscire fuori di nuovo con gli amici?
Gli amici possono visitare il paziente dopo l’intervento chirurgico sia in ospedale che a casa. Uscire con gli amici – come per andare ad attività scolastiche o al cinema – potrà avvenire quando il paziente non assumerà più antidolorifici e sentirà la schiena normale (ciò avviene di solito circa 4 settimane dopo l’intervento).