MENU
Scoliosis Research Society
SRS: Scoliosis Research Society

Scoliosis Research Society

Dedicato alla cura ottimale dei pazienti con deformità vertebrale

Scoliosi ad insorgenza precoce (early onset)

Chirurgia

Fusione spinale in situ

La fusione spinale è una procedura attuata per bloccare l’accrescmento della colonna vertebrale. Può essere eseguita dalla schiena (posteriore) o attraverso il torace (anteriore). Le articolazioni della colonna sono rimosse, e si posiziona un trapianto osseo; dove l’osso si salda ci sarà una massa di fusione, oppure una porzione di osso solida. L’obiettivo è far diventare le molte vertebre della colonna un unico segmento e bloccare la crescita storta. Fusione in situ significa che la curva sarà fusa “dove è” con poca o nessuna correzione della colonna vertebrale. A volte la strumentazione (barre, uncini, e viti) possono essere posizionate per aiutare a raddrizzare leggermente la colonna vertebrale ed agire come sostegno interno per il trapianto osseo che formerà la massa di fusione. Quando non si usano impianti, di solito nei bambini piccoli, il bambino può necessitare di un busto dopo l’intervento.

L’obiettivo di una fusione spinale in situ è correggere il problema precocemente, prima che diventi un deformità seria. Per esempio, se un chirurgo del rachide vede un bambino con una curva di 40° gradi che ha una scarsa prognosi (alta probabilità di progressione), lui/lei può decidere di intervenire con una limitata fusione spinale per impedire che la curva diventi più accentuata. Generalmente è una procedura più sicura di quelle che correggono la curvatura della colonna vertebrale. I risultati di una procedura per correggere la curva ad una giovane età possono essere imprevedibili, poichè la crescita continua del rachide in altre zone può causala la progressione della curva o una rotazione (torsione intorno). La fusione spinale non è sempre una buona opzione per ogni paziente con scoliosi ad insorgenza precoce. Poichè la fusione spinale di fatto blocca la crescita di una porzione di rachide, può risultare in una limitata crescita del torace risultando in insufficienza toracica.